Categoria "Bevande"

Frullato al mango, lime e acqua di cocco

DSC_0130 1(5)

E’ arrivato il caldo. Sono stata via per poco meno di 3 settimane e al mio ritorno il venticello freschino che avevo lasciato è diventato caldo e appiccicoso. Lo sapevo, me lo aspettavo, ma non così presto.

Mi dicono che non è ancora nulla, che siamo appena all’inizio e anzi questo non è affatto caldo, eppure io già fatico e non oso immaginare cosa sarà agosto. Molti in estate rientrano in Italia per sfuggire alla calura, ma la mia coscienza mi impedisce anche solo di valutarlo questo escamotage. Siamo partiti in due e anche se io posso lavorare da qualunque posto mi sentirei parecchio egoista a fuggire per due mesi o più. Insomma, anche il caldo fa parte del pacchetto quindi cercherò di conviverci come meglio posso.

Il mio piano di sopravvivenza prevede tra le altre cose vagonate di frullati super idratanti come questo freschissimo smoothie di mango, acqua di cocco e lime, che ho ripreso da uno degli ultimi libri acquistati qui a Dubai. Si intitola Clean Slate ed è davvero una grande fonte di ispirazione, ve lo consiglio.

Vivendo in Thailandia sono diventata una grande amante del mango, che prima invece non mi esaltava. Ne esistono tantissime varietà, la mia preferita è appunto quella Thailandese (Nam dok mai), ma qualunque tipo andrà bene per questa ricetta, l’importante è scegliere un frutto maturo che dia dolcezza, cremosità e colore intenso al frullato.

L’acqua di cocco è l’elemento idratante e direi insostituibile. Si prende dai cocchi ancora verdi, quelli in cui la polpa è ancora sottile, molle e dal sapore non molto gradevole e ricchi invece di acqua piena di nutrienti come vitamine, amminoacidi e minerali. Quest’acqua ha bassissimo contenuto di carboidrati,  contiene più potassio di 4 banane messe insieme ed è più salutare e benefica di molte bevande energetiche (il Gatorade, per esempio). Idealmente la fonte migliore sarebbe una noce di cocco appena raccolta, ma in alternativa si può trovare anche confezionata. In Italia ci sono diverse marche disponibili ma prima di acquistarla leggete bene le etichette: evitate le marche con zuccheri aggiunti, quelle arricchite da vitamine e aromi, quelle provenienti da concentrati e pastorizzate (qui c’è un’interessante articolo a riguardo).

Ingredienti (per 1 bicchiere di frullato)
1 mango maturo
1 bicchiere di acqua di cocco
2 cucchiai di succo di lime
un pizzico di pepe di cayenne* (nella ricetta originale c’è, ma io non l’ho messo)

Procedimento
Sbucciare e tagliare il mango a pezzetti, unire tutti gli ingredienti nel bicchiere del frullatore e frullare fino ad avere uno smoothie cremoso ed omogeneo. Volendo potete aggiungere a piacere qualche fogliolina di menta.

DSC_01361

 

Fonti:
– From the editors of Martha Stewart (2014), Mango – coconut water smoothie, in “Clean Slate: a cookbook and guide”, pag. 116.
The Chemical Composition and Biological Properties of Coconut (Cocos nucifera L.) Water, in Molecules — Open Access Organic Chemistry Journal
The thruth about coconut water, in WebMD

Succo di frutta alla pera…e rum!

succo1 copy

Mancano quasi 3 giorni a Natale ed io arrivo proprio in extremis con i miei regalini homemade! Sono perfetti per chi come me si è ritrovato a far tutto all’ultimo minuto, hanno il pregio di essere veloci da preparare e di sicuro effetto!
Il succo di frutta alla pera era sulla mia to-do list già da parecchio, un po’ perchè è il mio succo preferito, e un po’ perchè mi fa tornare in mente quello che preparava mia mamma quando ero piccola. Regalare una bottiglia di succo di frutta – seppur buono e genuino – mi sembrava però un regalo un po’ misero, e così mi è venuta l’idea di affiancarlo ad una bottiglia di buon rum, magari completando il tutto con un set di bicchierini…e così è nata la confezione waikiki rum e pera se preferite :P)!

Ingredienti (dosi per una bottiglia da 370ml)
3 pere mature (250g da sbucciate)
120-150 ml acqua
1 cucc.ino succo di limone
1 cucc. zucchero semolato

Preparazione
Sbucciare le pere, tagliarle a pezzi e frullarle con il limone e lo zucchero. Versare il frullato in una bottiglia di vetro e sigillare bene. Adagiare la bottiglia in una pentola colma d’acqua fredda in modo che ne sia completamente coperta. Mettere sul fuoco e far bollire per 30 minuti. Trascorsi i 30 minuti rimuovere la pentola dal fuoco e lasciar raffreddare l’acqua prima di estrare la bottiglia.

Con questo metodo il succo di frutta dura per diversi mesi. Va conservato in luogo fresco e buio.
A questo punto vi basta aggiungere una bottiglia di rum e due o più bicchierini e la confezione waikiki è pronta!

 

Consigli

  • La dose di zucchero è indicativa. Innanzitutto dipende dai vostri gusti personali, io – ormai si sa – ne uso sempre poco. Inoltre la quantità dipende anche dalle pere, se sono già molto dolci e saporite non ci sarà bisogno di usarne molto.
  • Questa volta ho usato una bottiglietta con tappo a vite, tuttavia personalmente preferisco le bottiglie con tappo a corona. Per usarle è necessario però avere l’apposita macchinetta per sigillare.

Tè freddo ai cranberries

Cranberry iced tea

Una ricetta non ricetta per un’estate che proprio estate non sembra! Speriamo che sia di buon auspicio per farci rivedere un po’ di sole…

Ingredienti
500ml acqua bollente
500 ml succo bio di cranberries
2 bustine di English breakfast tea
1 cucchiaio di zucchero, opzionale

Preparazione
Portare l’acqua a bollore e mettere in infusione le bustine di tè. Lasciare in infusione per circa 20 minuti, poi rimuovere. Unire il succo di cranberries al tè e, a piacere, lo zucchero. Mescolare e lasciar raffreddare in frigorifero.

Ricetta ripresa e riadattata da qui