Categoria "Piatti unici"

Insalata di polpo e patate

polpo e patate

Avete difficoltà a cuocere il polpo senza farlo indurire? se si, questa è la ricetta per voi! Con questo metodo di cottura, che non richiede assolutamente acqua, il polpo resta tenerissimo, quasi si scioglie in bocca. E’ poi una ricetta perfetta per la stagione estiva, si può preparare in anticipo, magari nelle ore più fresche, e poi servirla fredda. Io in genere lo mangio con le patate lesse, ma l’ho provato anche con i fagioli leggermente ripassati in padella ed è golosissimo. I bambini lo adoreranno perchè non ha spine, è tenero e saporito!

Se non siete pratici nel pulirlo, fatelo pulire direttamente in pescheria. Basterà eliminare le interiora, gli occhi e il “becco”. La pelle potete toglierla voi quando sarà cotto, ci vorrà un secondo!

Ingredienti
polpo (800g circa), pulito da interiora, occhi e becco
5 patate
1 spicchio di aglio
peperoncino
un ciuffo di prezzemolo
un rametto di sedano casalingo*
sale
olio evo

Preparazione
Disporre il polpo pulito in una pentola dal fondo spesso e dai bordi alti. Aggiungere uno spicchio di aglio, peperoncino a piacere e un rametto di sedano. Coprire con il coperchio e cuocere per circa 30 minuti.

Riempire una pentola di acqua fredda, disporvi le patate e lessare. Sbucciare le patate e lasciar raffreddare. Tagliare le patate a tocchetti e metterle in una ciotola capiente. Salare.

Potete testare la cottura del polpo con una forchetta: se si infila senza problemi allora sarà pronto. Togliere dalla pentola e spellare il polpo. Qualcuno esegue questa operazione quando il polpo è ancora crudo, tuttavia da cotto è si effettua più velocemente perchè la pelle scivola via con facilità.

Una volta spellato, tagliare il polpo a tocchetti ed unirlo alle patate. Condire con abbondante olio d’oliva e prezzemolo tritato. Servire tiepido o freddo.

 

* Il  mio sedano casalingo è come grandezza molto simile al prezzemolo.

Frittata di spaghetti

speciale picnic2

Lo so che è una ricetta ormai vista e rivista, ma per me non c’è picninc se non c’è la frittata di spaghetti. A casa mia è sempre stato un must per ogni scampagnata e, lasciatemelo dire, come la fa mia mamma la frittata di spaghetti non la fa nessuno!!! I segreti della sua ricetta sono essenzialmente due:

1) Innanzitutto si deve fare un BUON sugo, e il suo è spettacolare. Il trucco è far rosolare prima un po’ di pezzetti di pomodoro con olio evo e aglio, e poi aggiungere la salsa, che deve cuocere e “consumarsi” un po’. (Un altro segreto è che pezzetti, salsa e olio sono tutti fatti in casa…e credetemi che la differenza è abissale!)

2) Il super trucco per questa ricetta però è quello di cuocere gli spaghetti con largo anticipo e lasciarli raffreddare e riposare. Ad esempio, mia mamma li prepara la sera prima e poi la mattina prima di partire fa la frittata. Lei dice che così la pasta si insaporisce di più e assorbe tutto il sugo.

Il vantaggio, oltre che nel sapore, sta nel fatto che preparando gli spaghetti la sera prima, la mattina del picnic si fa davvero subito a fare la frittata. Insomma, questa nel vostro cestino non può assolutamente mancare!

Ingredienti (per 2 frittate grandi)
1 vasetto di pezzetti di pomodoro (o 5 pomodori da sugo freschi a pezzettini)
750 ml salsa di pomodoro
500g spaghetti
aglio
peperoncino
3 cucchiai di olio
14 uova
10 cucch. parmiggiano grattugiato

Preparazione
Versare l’olio, i pezzetti e l’aglio in una pentola e cuocere per circa 8-10 minuti, mescolando di tanto in tanto. Aggiungere la salsa, il sale e il peperoncino e cuocere per 20 minuti.

Lessare gli spaghetti in acqua bollente salata. Scolare e condire con il sugo di pomodoro. Lasciar riposare per qualche ora.

Sbattere 7 uova con una presa di sale e 5 cucchiai di  parmiggiano. Scaldare metà spaghetti in padella e poi versare le uova sulla pasta senza mescolare. Dopo qualche minuto girare la frittata e cuocere dall’altro lato. Ripetere il procedimento con i restanti spaghetti per la seconda frittata.

N.B.: I pezzetti di pomodoro che si trovano confezionati al supermercato contengono anche un po’ di salsa (almeno quei pochi che ho provato io!), mentre quelli fatti in casa usati in questa ricetta sono senza salsa, solo ed esclusivamente pomodoro a pezzetti. Per questo motivo, se volete provare questa ricetta, vi consiglio di comprare dei pomodori freschi da sugo e tagliarli a pezzettini piuttosto che le lattine di conserva pronte.

 

con questa ricetta partecipo al contest di Assaggidiviaggio

Pie di melanzane e polpette

Pie di melanzane e polpette

La settimana scorsa ho fatto un giretto all’Ikea e ne sono uscita con questi piccoli pirottini bianchi. Niente di notevole dal punto di vista estetico, ma ultimamente ho un po’ la fissa per le monoporzioni quindi ne ho approfittato e me li sono portati a casa. E come al solito quando compro qualche accessorio nuovo, ho pensato subito ad una ricetta per inaugurarli.

L’idea era quella di fare qualcosa di buono, adatto ad un pranzo domenicale, cercando però di ridurre al minimo le calorie. Da qui è venuta l’idea di fare delle “finte polpette” (solo manzo, niente uova o pangrattato),  un sugo senza soffritto e un purè non purè (niente burro né latte). Il risultato è stato ottimo, qualcosa di buono che mangi con gusto e a cuor leggero.

Il segreto, secondo me, sta nella cottura del sugo. Come dice mia mamma, “il sugo si deve consumare”, non spaventatevi quindi se la cottura vi sembra troppo lunga.

Io ho fatto delle monoporzioni, ma potete anche usare una teglia dai bordi alti!

Ingredienti (per 3 pirottini)
1 melanzana
2 patate
1 carota piccola
mezzo barattolo di pezzetti di pomodoro
1/4 di cipolla
1 foglia di alloro
1 puntina di origano
1/3 di zucchina grande
200 grammi di carne di manzo macinata
1 cucchiaio di olio
1 puntina di zucchero
sale qb
un pizzico di peperoncino

Preparazione
Lessare le patate in acqua bollente salata. Versare i pezzetti di pomodoro in una pentola (quelli che ho usato io erano abbastanza “sugosi”, se i vostri sono più asciutti aggiungete un po’ di salsa di pomodoro).Tagliare la carota, la cipolla e la zucchina a dadini piccoli e unirele al pomodoro. Cuocere su fuoco medio per 10 minuti, aggiungendo dell’acqua se il sugo si asciuga troppo e comincia ad attaccarsi. Aggiungere una foglia di alloro intera, un pizzico di origano, peperoncino a piacere,  una puntina di zucchero*, il sale e un cucchiaio di olio evo. Continuare la cottura per altri 30 minuti, mescolando di tanto in tanto e aggiungendo ½ bicchiere d’acqua se la salsa si asciuga troppo.

Nel frattempo, formare con la carne macinata tante polpettine un po’ più piccole di una noce. Trascorsi i 30 minuti, eliminare la foglia di alloro e unire le polpette al sugo. Aggiungere altra acqua se necessario e lasciar cuocere per 15-20 minuti.

Tagliare la melanzana a fettine sottili (in senso orizzionatale) e grigliare. Salare e condire con un goccio di olio. Pelare le patate ormai cotte e schiacciarle con la forchetta. Aggiustare di sale e condire con un filo di olio, pepe nero macinato e una grattata abbondante di noce moscata. Amalgamare bene.

Una volta che tutti gli ingredienti sono pronti, si possono cominciare a preparare i pirottini. Disporre sul fondo di ogni pirottino una fetta (o due se sono piccole) di melanzana. Coprire con 2-3 polpettine e il loro sugo. Ripetere facendo un secondo strato di melanzana e polpette. Coprire le polpette con un’altra melanzana  e versarvi sopra  1/3 delle patate schiacciate. Modellare le patate con un forchetta in modo da coprire tutta la superficie del pirottino, ma senza appiattirle.

Infornare in forno preriscaldato a 180°C per 15-20 minuti o fino a che le patate non saranno dorate e croccanti.

*Ho aggiunto lo zucchero perchè ho usato i pezzetti comprati che, rispetto a quelli fatti in casa che uso sempre, sono più aciduli. Se pensate di non averne bisogno, potete fare a meno di usarlo.

Pie di melanzane e polpette