Ricette in evidenza

Ciambelline alla banana vegane e senza zucchero

Dei muffin vestiti da ciambelline, con una ricetta ripresa da un mio storico ricettario e resa vegana e senza zuccheri aggiunti.

Le banane contengono già naturalmente zuccheri e sono loro l’unico dolcificante che ho scelto di usare qui, nulla vi vieta però di aggiungere zucchero se lo desiderate, sotto vi do qualche indicazione in più.

Ingredienti

  • 280g farina
  • 3 banane (circa 450g)
  • 150ml latte di soia
  • 1 cucc. ino bicarbonato di sodio
  • 1 cucc. ino lievito per dolci
  • 1/2 cucc. ino sale
  • 80ml di olio di semi o oliva
  • Cannella in polvere

Procedimento

1. Setacciare in una ciotola tutti gli ingredienti secchi: farina, lievito, bicarbonato e sale.

2. In un’altra ciotola schiacciare le banane con una forchetta. Aggiungere il latte vegetale, l’olio e la cannella.

3. Unire gli ingredienti umidi ai secchi, mescolare quanto basta per idratare tutta la farina.

4. Versare il composto in stampini imburrati della forma preferita e riempendo lo stampino per 3/4.

5. Cuocere in forno preriscaldato a 190-200°C per 20 minuti.

6. Una volta freddi, guarnire a piacere con creme di frutta secca e semi o frutta secca in scaglie oppure con una spolverata di zucchero a velo. Io ho scelto tahina, crema di mandorle e nocciole più mandorle a lamelle, semi di girasole e pistacchi.

Note:

  • Il latte di soia puó essere sostituito con altre bevande vegetali, oppure anche semplicemente con acqua.
  • Io ho usato olio extravergine di oliva, ma si può usare un olio di semi. É possibile anche ridurre il quantitativo di olio previsto di 30ml, il risultato sarà però più compatto e meno morbido.
  • Io qui non metto zucchero ma la ricetta originale ne indica 110g, che possono tuttavia essere aggiustati a piacere in base ai propri gusti.
  • Volendo si possono aggiungere all’impasto gocce di cioccolato, noci tritate, uvetta o altra frutta essiccata.

Ricetta ripresa e riadattata da Muffin – fast and fantastic di Susan Reimer, Cherry Tree Publications, 2001

Panbrioche vegano

L’idea di sperimentare con un panbrioche vegano mi frullava in testa da un po’, e perché amo i lievitati e perché la mia alimentazione é sempre più plant-based ormai. So che ci sono già svariate ricette in rete, ma io in fatto di lievitati ho già una maestra super e sono voluta partire da una sua ricetta (che avevo già provato in passato nella versione originale). Ho poi provato a veganizzarla e fare alcune modifiche al procedimento (modifiche, anche queste, sempre ispirate da Paoletta).

Il risultato é stato un panbrioche più soffice di quello che mi sarei aspettata e molto profumato, che resta morbido anche nei giorni successivi.

Vi consiglio davvero di provarlo, che seguiate voi una alimentazione a base vegetale o meno!

Ingredienti

Per il lievitino:

  • 110g di farina (W280)
  • 110g bevanda di soia non zuccherata
  • 12g lievito di birra (10g in estate)

Per l’impasto base:

  • 125g yogurt di soia al naturale
  • 60g zucchero
  • 290g farina (W280)
  • 6 g sale
  • Scorza grattugiata di un limone non trattato
  • 48g olio extravergine d’oliva
  • 1 cucc. ino estratto di vaniglia
  • 1 cucc. liquore per aromatizzare (per me Strega)
  • Confettura di mirtilli o altra a piacere

Per lucidare

  • 40g acqua
  • 20g zucchero

Procedimento

1. Preparare un lievitino unendo 110g di bevanda di soia, il lievito sbriciolato e 110g di farina. Mescolare quanto basta per idratare la farina. Questo é un pre-impasto, non preoccupatevi se resteranno dei grumi, non deve essere lavorato molto. Coprire con pellicola ed attendere che il lievitino si gonfi e faccia i primi solchetti sulla superficie. Il tempo che impiegherà per essere pronto dipenderà dalla temperatura ambiente di casa vostra. Da me faceva piuttosto freddo in casa ed ha impiegato circa 2 ore.

2. Quando il lievitino é pronto, versare nella ciotola della planetaria aiutandosi con una spatola e aggiungere yogurt di soia e zucchero. Mescolare per qualche secondo con la foglia, dopodiché aggiungere la farina tutta di un colpo e mescolare a bassa velocità per farla idratare bene. Nel caso risultasse troppo compatto, sostituire la foglia con il gancio.

3. Quando l’impasto si comincia a formare inserire il sale a spolveri. Proseguire ad impastare ribaltando ogni tanto, ossia fermando la macchina e, con l’aiuto di una spatola, rigirando l’impasto. (Questa operazione viene fatta perché le planetarie casalinghe non sempre riescono a lavorare bene l’impasto sul fondo. Rigirandolo gli diamo modo di avere una lavorazione più omogenea).

4. Aggiungiamo l’olio a filo facendo attenzione ad inserire poco alla volta per non far perdere corda all’impasto. Uniamo anche la zeste di limone. In ultimo, l’estratto di vaniglia e il liquore, sempre versati poche gocce alla volta per non perdere l’incordatura.

5. Una volta che l’impasto risulta ben liscio ed incordato, arrotondare e lasciare lievitare in ciotola coperta fino al raddoppio (circa 1h-1h30).

6. Fatta la prima lievitazione, mettere l’impasto su un piano leggermente infarinato, sgonfiare un po’ e fare le pieghe di forza del secondo tipo, cioè in cui si riportano i lembi di impasto verso il centro. Lasciar riposare 20 minuti rivolgendo il lato delle piegatura verso il basso.

7. Trascorsi i 20 minuti, fare le pezzature. In questo caso per una teglia 25×10 utilizzare circa 550-600g di impasto. Con l’avanzo (circa 150g) potete ricavare una o due piccole brioche. Per la formatura io ho scelto di fare una treccia ripiena con confettura di mirtilli. Qui potete vedere come eseguirla, altrimenti potete optare per una formatura diversa, ad esempio una treccia russa Mettere nella teglia e lasciar lievitare fino al raddoppio.

8. Cuocere in forno preriscaldato a 160°C per 35-38 minuti, infornando nella tacca più bassa del forno.

9. Mentre la brioche cuoce, fare uno sciroppo facendo bollire qualche minuto l’acqua con lo zucchero. Usare lo sciroppo per spennellare la superficie del panbrioche non appena uscito dal forno.

Note:

– per la conservazione vi consiglio di metterlo in un sacchetto per alimenti non appena freddo. Resterà morbido per giorni.

– il panbrioche può essere anche tagliato a fette e congelato per mangiarlo già porzionato all’occorrenza. Basterà scongelarlo la sera prima per mangiarlo a colazione, oppure utilizzare l’azione defrost del tostapane.

  1. Tags:

Biscotti di mandorle e ceci vegani

Questa ricetta a base di ceci e mandorle l’ho ripresa e leggermente riadattata da Cucina Naturale. Si tratta di biscottini vegani e senza glutine a base di ceci cotti.

Nel mio caso, sono anche senza saccarosio. Ho sostituito infatti lo zucchero con un paio di datteri medjoul.

Se preferite un gusto più dolce potete aggiungere qualche dattero in più, oppure sostituirli con 90g di zucchero come indicato nella ricetta originale.

Se come me non avete farina di riso in casa ma avete una macina caffè, potete farla da voi macinando direttamente il riso in chicco. Allo stesso modo, se non avete farina di mandorle ma mandorle intere, potete frullarle per ridurle in farina.

Ingredienti

  • 100g ceci lessi
  • 100g farina di mandorle
  • 80g farina di riso
  • 2 datteri medjoul
  • 4 cucchiai di olio evo

Procedimento

1. Frullare i ceci e i datteri fino a renderli una crema densa.

2. Unire ai ceci la farina di mandorle, la farina di riso e l’olio. All’occorrenza unire qualche cucchiaio di acqua se l’impasto dovesse risultare troppo duro.

3. Con l’impasto ottenuto formare un salsicciotto. Potete incartarlo in un foglio di carta forno e farlo riposare in frigo, oppure usarlo subito.

4. Tagliare il rotolo a fette spesse almeno mezzo centimetro e disporre le fette su una placca foderata con carta forno.

5. Cuocere in forno preriscaldato a 200°C per circa 20 min, girandoli a metà cottura.

  1. Tags: