Categoria "Barbecue"

Pollo marinato alla brace

pollo finito copy

L’avrete capito ormai che il barbecue mi piace un sacco e che l’estate non è estate senza qualche bella grigliata, quindi non mi dilungherò :). Passiamo subito a questa deliziosissima ricetta che a casa mia è sempre molto gradita.

Innanzitutto va detta una cosa importantissima, cioè che il tempo di cottura varia in base al tipo di pollo che userete. Infatti c’è una gran bella differenza tra l’usare un pollo acquistato al supermercato e un pollo di campagna, come il mio. Infatti, i polli di allevamento (quindi quelli del super) hanno una carne più tenera che si cuoce molto più velocemente, mentre i polli di campagna hanno bisogno di una cottura più lunga.

Io non ho mai comprato polli di allevamento in vita mia, quindi non saprei proprio dirvi con precisione di quanti minuti di cottura necessitano, vi consiglio quindi di ridurre i tempi che ho indicato nella ricetta (45 minuti in tutto) almeno di 15 minuti. Proverei a cuocere il pollo nel cartoccio per 15-20 minuti circa per poi aprirlo e terminare la cottura sulla griglia per altri 5-10 minuti. Per i tempi potete comunque regolarvi ad occhio mentre cuocete.

Inoltre, visto che i polli di allevamento hanno appunto una carne più tenera, se volete potete anche ridurre il tempo di marinatura di un ora.

Ingredienti (per 4 persone)
1 pollo, diviso in 4 pezzi*
3/4 di bicchiere di aceto di vino bianco
sale
peperoncino
3 rametti rosmarino
2 spicchi di aglio
timo
olio

Preparazione
Preparare la marinatura per il pollo unendo aceto, peperoncino a piacere, rosmarino, aglio tagliato a pezzetti, olio, timo e sale. Dividere il pollo in quattro parti: le 2 cosce con le sovracosce e le due ali con il petto. Incidere le cosce ed aprirle bene, come nella foto sotto. Incidere anche le ali e il petto. In questo modo il pollo assorbirà meglio la marinatura e si cuocerà più facilmente. Disporre i pezzi di pollo in una terrina con la marinatura e lasciar riposare per 4-5 ore.

pollo copy

Scolare il pollo dalla marinatura e tenerla da parte. Avvolgere i pezzi di pollo nella carta stagnola preparando così 4 cartocci ben sigillati. Preparare il barbecue e, non appena i carboni saranno ardenti, mettere i cartocci sulla griglia e cuocere per 30 minuti, girandoli a metà cottura.

pollo cartoccio copy

Trascorsi i 30 minuti, aprire la carta stagnola e rimuoverla (questo perchè dopo 30 minuti sarà annerita e bruciacchiata). Stendere un altro foglio di stagnola sulla griglia, riposizionarvi sopra il pollo e continuare la cottura per altri 10 minuti, spennellando il pollo con la marinatura tenuta da parte. La carta stagnola sulla griglia serve per proteggere il pollo dai fumi della brace e far si che  mantenga un gusto delicato. Se preferite un gusto più deciso, potete eliminare del tutto la stagnola e cuocerlo direttamente sulla griglia.

A cottura ultimata, rimuovere dalla brace e servire subito.

*Io avevo 3/4 di pollo (circa 1kg), che ho quindi diviso in 3 pezzi.

Seppie marinate alla brace

brace1 copy

E’ arrivata l’estate.
Sono le 8 di sera ma c’è ancora abbastanza luce per fotografare. Il prato è perfettamente rasato e c’è odore di erba tagliata. La fornacella è accesa e i carboni incandescenti fumano. Le seppie sono pronte per essere cotte sulla brace e la famiglia al completo sta per riunirsi intorno alla tavola, componenti a quattro zampe inclusi. Poco importa se mancano ancora 10 giorni al solstizio e il sole si vede ancora poco, per me questa serata sa di estate!

Ingredienti
6 seppie o calamari, puliti*
peperoncino a pezzetti
1/2 spicchio di limone
sale
pepe
erba cipollina
olio extravergine di oliva

Preparazione
Incidere le seppie con un taglio laterale e aprirle. Con un coltello ben affilato, incidere la parte interna delle seppie tracciando strisce diagonali. Ripetere le incisioni diagonali nel senso opposto in modo da disegnare dei rombi.

Mischiare  il succo di limone con sale, pepe, peperoncino e un goccio di olio. Aggiungere le seppie e mischiare in modo che siano ben condite dal sugo preparato.

seppie9-tile copy

Accendere la fornacella. Disporre le seppie sulla griglia con la parte incisa verso il basso e tenere da parte il sugo della marinatura. Cuocere per un minuto e poi girare. Spennellare le seppie con la marinatura tenuta da parte e cuocere per un altro minuto.

brace8 copy

Guarnire con erba cipollina e servire immediatamente.

piatto7 copy

* Io ho usato delle seppie fresche (pulite direttamente in pescheria), ma vanno benissimo anche i calamari. Ho conservato da parte i tentacoli per un’altra ricetta, ma potete cuocerli tranquillamente sulla brace insieme al resto.

Variante con salsa al limone e aglio
Volendo, potete servire le seppie accompagnandole con una salsina a base di burro, limone e aglio. Per prepararla basta far soffriggere 2-3 spicchi di aglio tritato in una padella con una noce di burro. Quando l’aglio sarà rosolato, aggiungere il succo di 2 limoni e un’altra noce di burro. Versare la salsina ancora tiepida sulle seppie grigliate.

Fonte: Blazing Barbecue (2010), Parragon Books Ltd.

Pesche caramellate alla griglia

pesca grigliata caramellata

L’estate ci sta ormai salutando, ma c’è ancora tempo per un’ultima ricetta estiva, stavolta con le pesche. Può essere un dolce veloce da preparare quando si hanno ospiti improvvsi, oppure un dolce leggero e poco calorico per terminare un pasto già sostanzioso, oppure ancora un ottima merenda per piccoli e adulti da preparare in meno di 5 minuti!

Ingredienti
1 pesca ( la qualità che preferite)
zucchero semolato
1/2 vasetto di yogurt magro
1 cucchiaino di miele

Preparazione
Lavare bene la pesca, tagliarla in due e staccare le due metà ruotandole, senza romperle. Eliminare il nocciolo ed eventuali residui e affondare la parte tagliata delle due metà  nello zucchero semolato, cercando di coprire uniformemente la superficie. Disporre la pesca su una griglia o su una piastra antiaderente, rivolgendo la parte zuccherata verso il basso. Lasciare cuocere fino a quando lo zuccherò sarà ben caramellato e poi girare continuando la cottura per qualche altro minuto. Servire le pesche calde accompagnate da yogurt magro, a piacere guarnito con qualche goccia di miele.